san, kun e altri protettori


Incuriosisce spesso sentire dopo ogni nome (o quasi) la postposizione SAN. Ora che ci ho capito qualcosa faccio rapporto:
come il bel libro che Emanuele-kun mi ha portato spiega, ( La sociatà giapponese, Chie Nakane, ed. Cortina) la società giapponese ha struttura prevalentemente verticale (osservazione questa che si può fare anche senza leggere il libro, ma Nakane-san lo spiega meglio).
In ogni situazione ci si trova quindi prevalentemente in rapporti uno a uno in cui a seconda del ruolo che ciascuno ha (Nakane-san definisce ciò attributo) si instaura un rapporto tra le due persone. Detto questo i risultati sono i seguenti:
-se vi rivolgete a qualcuno di ruolo superiore, più anziano o comunque una persona a cui dovete rispetto (senpai) userete l’appellativo “san”.
-in caso vi rivolgiate ad una persona più giovane, di minor grado… (kohai)si usa “kun”
-nel caso di pari grado (dooryoo) nessun appellativo.
Ultima osservazione: i giapponesi sono soliti chiamarsi per cognome. Solamente tra familiari e amici d’infanzia si usa il proprio nome.

Capita quasi sempre al primo incontro con una persona, che dopo alcuni minuti di conversazione vi venga chiesta l’età che, insieme al ruolo che ricoprite in quella situazione, definisce la vostra posizione nel gruppo in cui vi state trovando.

Advertisements

One Response to san, kun e altri protettori

  1. Slelamen-online says:

    good start

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: